Dischi a Margherita BRAKING

Modifiche, esperimenti, esperienze, raccontate da voi.
Ivano

Dischi a Margherita BRAKING

Messaggio da Ivano » gio lug 15, 2004 9:52 am

Li ho provati sulla moto di un mio amico accoppiati alle pastiglie sinterizzate. A parte l'impatto estetico che pu? piacere come non piacere, sono maledettamente efficienti, gran frenatona anche alle alte velocit?.

NUOVO

Immagine

DOPO INTENSO USO

Immagine

Stressandoli a lungo diventano blu (vedi foto), ma non perdono comunque di efficienza. Se volete una frenata potente a un costo relativamente basso (ovvero snza cambiare pinze pompe) sono un'ottima soluzione.
Ultima modifica di Ivano il gio lug 22, 2004 2:00 pm, modificato 1 volta in totale.

Giacomo

Messaggio da Giacomo » gio lug 15, 2004 10:16 am

hai mai provato a sentire la differenza di temperatura tra un disco normale e uno a margherita dopo un po' di strada?
spaventosa!

Ivano

Messaggio da Ivano » gio lug 15, 2004 10:22 am

Se intendi mettendoci la mano sopra no, ho sempre avuto paura.
Se intendi avvicinandola nemmeno, ci prover? alla prossima uscita con Stefano, proprietario della XJR in questione.

dimmipure

Messaggio da dimmipure » gio lug 15, 2004 11:17 am

Scusatemi per l'ignoranza, ma la forma del disco non serve solo per una migliore ventilazione equindi raffreddamento?

Sono fatti in qualche materiale particolare?

Altrimenti credo che sia solo "colpa" dei pastiglioni.

Sono SBS? sono ottimi. Appena caldi ti catapultano in avanti :lol:

Il discone a margherita tiene la temperatura in parametri ragionevoli evitando a voi (brutti smanettoni) di dover cambiare dischi ogni week end.

Urgono informazioni sul materiale del disco... vado a cercare... :idea:

Riporto dalla Braking:
"...ha cos? risolto definitivamente i principali problemi legati ai dischi freno permettendo al disco deformazioni guidate in fase di riscaldamento e perfetto smaltimento del calore, il disco cos? risulta particolarmente resistente alle alte temperature. In pratica , in corrispondenza di forti aumenti della temperatura, il disco subisce solo deformazioni in campo elastico e non in campo plastico, mantenendo quindi perfettamente le proprie caratteristiche."
:wink:

Ivano

Messaggio da Ivano » gio lug 15, 2004 11:23 am

I pastiglioni ce li ho anche io, ce li ha anche zulu e altri, non dipende solo da quelli.

Comunque s?, la forma a margherita serve solo per raffreddare ufficialmente, non so se influisce anche sulla potenza di frenata.

dimmipure

Messaggio da dimmipure » gio lug 15, 2004 11:31 am

Allora possiamo ipotizzare che ci siano tipi diversi di acciaio?

C'? qualche tecnico qui? :?:

Ivano

Messaggio da Ivano » gio lug 15, 2004 1:18 pm

Il moderatore dell'area tecnica sono io.
Dalle mie profonde competenze in materia di acciai ho deciso di fare una prova per verificare la differenza degli acciai: con una mazzetta da 2 kg tiro una bella martellata prima al disco in questione, poi a quello originale, se uno si storta meno vuol dire che sono diversi.

Qualcun'altro ha suggerimenti migliori?

dimmipure

Messaggio da dimmipure » gio lug 15, 2004 1:25 pm

Migliori no. Magari questo ? un p? "costoso"? :lol:

sundazed3000

Messaggio da sundazed3000 » sab lug 17, 2004 9:17 am

L'unica cosa che posso dire sugli acciai (derivante dalla mia decennale esperienza in campo aeronautico) e' che il loro grado di "dolcezza" (leggi morbidezza) varia in rapporto alla quantita' di carbonio presente nel ferro, dopo lo 0.8% l'acciao diventa appunto dolce (vado a memoria, potrei sbagliare le cifre).\
Un acciaio non dolce, cioe' duro, non e' necessariamente buono, anzi a maggior rigidita' strutturale corrisponde a sua volta una maggior possibilita' di rottura, nel caso dei Wave direi che il disegno a margherita influisce notevolmente sullo smaltimento del calore.
Insomma bisogna individuare la giusta miscela...
Quanto poi alle deformazioni plastiche ecc... ricordo a tutti che alcuni metalli (con forme particolari) hanno una memoria di forma, per esempio alcuni tipi di molle, che anche se sottoposte a forte stress, quando vengono rilasciate riprendono la loro forma originale.
Spero di avervi incasinato a sufficienza!
Matteo



Ivano ha scritto:Il moderatore dell'area tecnica sono io.
Dalle mie profonde competenze in materia di acciai ho deciso di fare una prova per verificare la differenza degli acciai: con una mazzetta da 2 kg tiro una bella martellata prima al disco in questione, poi a quello originale, se uno si storta meno vuol dire che sono diversi.

Qualcun'altro ha suggerimenti migliori?

Avatar utente
yuza
Messaggi: 661
Iscritto il: ven lug 02, 2004 11:07 am

Messaggio da yuza » sab lug 17, 2004 12:40 pm

La forma a margherita serve anche (e credo sia la sua funzione principale) a moltiplicare gli spigoli d'attacco e a garantire alla pastiglia un migliore allineamento col disco. Non credo che la braking, per quanto dinamica e innovativa, possa competere con brembo per quanto riguarda caratteristiche e qualità degli acciai impiegati...
Ho i braking wave da qualche mese, vediamo quanto durano e soprattutto se rimangono dritti (i brembo durano tanto e si deformano poco)

Alessandro

Messaggio da Alessandro » lun lug 19, 2004 7:44 am

esatto yuza...
la funzione del freno a margherita non ? quella di raffreddare meglio

comunque dopo 30k kilometri anche i miei standard adesso sono blu....da lontano sembrano quasi dischi in carbonio :shock:

appena rimpinguo il conto corrente, penso di spendere un po di soldini li davanti....dischi braking e pompa radiale, ovviamente con tubi aeronautici

Avatar utente
Vento&Adrenalina
Site Admin
Messaggi: 12687
Iscritto il: gio giu 24, 2004 9:00 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Vento&Adrenalina » gio lug 22, 2004 12:14 pm

dalla mia conoscenza a riguardo, per quanto letto:
La forma a margherita consente una migliore dispersione del calore in primis, da cui, una minore deformazione non isometrica del disco (ovvero uguale in tutte le direzioni). Inoltre garantisce una pulitura superficiale della pastiglia migliore, e in ultimo alleggerisce (a noi frega poco visto il peso complessivo del cerchio) la massa non sospesa attorno all'asse. Questa massa ? quel valore che va moltiplicato per il raggio di rotazione per ottenere il valore della velocit? angolare di ogni punto del cerchio. Pi? alta ? la velocit? angolare, pi? alta la forza che si oppone alla variazione di direzione dell'asse ruota....in breve meno maneggevolezza dell'anteriore...
V&A
Immagine

MOTOCHIANINA 2019: https://youtu.be/EtPwo0zb5eI

Ivano

Messaggio da Ivano » gio lug 22, 2004 1:21 pm

In parole povere?

Avatar utente
Vento&Adrenalina
Site Admin
Messaggi: 12687
Iscritto il: gio giu 24, 2004 9:00 am
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Vento&Adrenalina » gio lug 22, 2004 1:28 pm

se non hai capito nemmeno tu che sei di origini sarde...meglio che cancello tutto....
in parole povere, meglio i dischi wave.
V&A
Immagine

MOTOCHIANINA 2019: https://youtu.be/EtPwo0zb5eI

Ivano

Messaggio da Ivano » gio lug 22, 2004 1:30 pm

AUGH!

Rispondi